Avete presente il film con Totò e Peppino “Miseria e Nobiltà”? si? vi ricordate la scena nella quale mangiano gli spaghetti come se non ci fosse un domani e se li mettono anche in tasca?
Ecco….quella è fame! Ve lo dico perché facciamo sempre più difficoltà a riconoscere la fame vera dalla fame nervosa.
E pensare che era la fame il problema di meno di un secolo fa in Italia, adesso invece ci ritroviamo qui a parlare e a vedere come si può fare per mangiar “meno”… anche perchè, diciamocela tutta, sarebbero poche le volte che mangiamo veramente per la fame…
Ci sentiamo tristi e mangiamo, delusi e mangiamo, feriti e mangiamo, traditi e mangiamo, annoiati e mangiamo.. un pò come Bridget Jones con il pigiamone che fa fuori il mega barattolo del gelato davanti alla tv.
Ma ancora, siamo felici e mangiamo, ci premiamo per una fatica fatta e mangiamo; mangiamo alle feste, ai compleanni, agli aperitivi…
Vedete, tutte queste volte che mangiamo è perchè sotto sotto c’è un’emozione. Se impariamo a rintracciarla, a capire qual’è e cercare di comprendere perchè ci sentiamo in questo modo forse, non avremmo bisogno di mangiarci sopra!
Allora, punto primo, quando queste emozioni vi pervadono, invece di aprire la dispensa potrebbe essere utile aprire un quaderno, uno qualsiasi, vuoto, dove potrete scrivere l’emozione che state provando in quel momento, l’emozione che vi avrebbe portato a mangiare, scrivete anche il perchè vi sentite in quel modo e cercate una soluzione per sentirvi meglio senza mangiarci sopra. Punto secondo, quando l’impulso irrefrenabile di mangiare fuori dai pasti, in modo sbagliato e non salutare vi pervade, aspettate qualche minuto e l’impulso passa, nel frattempo distraetevi, fate una telefonata, un bagno caldo, preparatevi una tisana etc…provate, provate, funziona! Punto terzo, seguite delle sane abitudini alimentari, un’alimentazione a voi appropriata e attività sportiva, ognuno ha le sue forme, ognuno ha la propria costituzione e sembrare dei modelli di 40 kg non vuol dire essere belli e accettati, se pensate questo beh, è un pensiero del tutto sbagliato.
Chiaro???
Se tutto questo non è abbastanza e non vi sentite a vostro agio con il peso o la forma corporea rivolgetevi ad un dietista/nutrizionista. Rivolgetevi anche ad uno psicologo, in questo modo avrete risultati più certi, perché vi aiuterà a gestire al meglio i vostri stati emotivi, a non farvi prendere dallo sconforto, dal senso di arrendevolezza, vi aiuterà a motivarvi, a vedervi in maniera diversa e a raggiungere i vostri traguardi.

Sapete cos’è che ci inganna veramente? la nostra immagine corporea.

L’immagine corporea è come io penso che mi vedano gli altri e in base a questo mi creo un’immagine mentale del mio corpo. Praticamente se chiudete gli occhi e pensate a voi dovreste riuscire a vedervi; quella è l’immagine corporea. Bene, l’immagine corporea che abbiamo di noi non corrisponde quasi mai a come siamo realmente, ci immaginiamo o troppo bassi o troppo alti, o troppo magri o troppo grassi, poco formosi o troppo formosi e così via… Avere un’idea precisa di come realmente siamo aiuta molto a capire di più il nostro corpo e gli aspetti corporei di noi che veramente ci piacciono o non ci piacciono. A tal proposito potete provare a sperimentare proprio la tecnica della Sagoma Corporea, che permette di avere sotto gli occhi una reale immagine di sè: vi serviranno, carta da pacchi bianca, 2 o tre fogli molto grandi (dovranno

bastare a contenere il vostro corpo da sdraiati, sia per larghezza che per lunghezza), pennarello rosso, pennarello nero, nastro isolante, qualcuno che vi aiuti. Adagiate per terra i fogli, mettete del nastro isolante per fissare i fogli tra loro, prendete il pennarello nero e disegnate la vostra sagoma, i vostri contorni, così, come vi immaginate che siano, per larghezza e per lunghezza, la sagoma deve essere disegnata con braccia e gambe leggermente aperte. A questo punto adagiatevi sulla sagoma che avete disegnato rimanendo a pancia in su. Date il pennarello rosso al vostro aiutante e chiedetegli di tracciare i vostri contorni, in poche parole verrà fuori la vostra sagoma. Vi assicuro che emergeranno delle belle sorprese, quasi mai la sagoma immaginata e da noi stessi disegnata corrisponde alla sagoma effettiva, alla vera forma e dimensione del nostro corpo. Con questa tecnica ognuno si vede veramente per la prima volta, ognuno si capisce e si emoziona vedendo il proprio corpo per come veramente è. Magari non siamo così messi male come crediamo di essere. Avere una corretta immagine di come veramente siamo è il punto di partenza per decidere se cambiare qualcosa nel nostro corpo, se può essere davvero necessario acquisire o perdere peso al di là delle vere necessità per motivi di salute. A volte non c’è davvero ragione di perdere peso ne di acquisirne!!! In un’epoca dove tutto ciò che vediamo spesso ci inganna, non facciamoci ingannare da un’immagine sbagliata del nostro corpo che potrebbe essersi creata soltanto nella nostra mente. Perché questo, credetemi, accade molto spesso.


In foto trovate un momento di esecuzione della tecnica della Sagoma Corporea da parte di alcune partecipanti al mio corso su cibo ed emozioni.

 

GLI ATTACCHI DI PANICO

GLI ATTACCHI DI PANICO

Attacchi di Panico: quando crediamo veramente di stare per morire La parola “Panico” deriva dal nome del dio Pan, metà uomo e metà capra, che, suonando il suo flauto tra i boschi, appariva improvvisamente disseminando terrore in chiunque si trovasse nei suoi paraggi,...

leggi tutto
LA DEPRESSIONE

LA DEPRESSIONE

La Depressione: il male oscuro dell’anima "Si guarisce di depressione?" Inizio con dare subito la risposta..: SI Ebbene si guarisce e si guarisce ad ogni età, a 15, a 20, 30, 40 .... 80 e oltre. Si guarisce se si affronta e si cura nel modo giusto, attraverso un...

leggi tutto
ANSIA E STRESS

ANSIA E STRESS

Ansia e Stress: i nostri campanelli di allarme “Sono più le cose che ci preoccupano di quelle che ci danneggiano e noi soffriamo di più per il timore che per la realtà” Seneca, 5 avanti Cristo ...com'è antica l'ansia!!!!.... Quante volte pronunciamo la parola ansia e...

leggi tutto